Browsing Category

Peristeri

2015-08-0121.54.15
Peristeri

Luna di Agosto illumina il bosco

Saltata la consueta riunione del sabato mattina/pomeriggio causa impegni di lavoro di Αττική e altre faccende da sbrigare nei pochi ritagli di tempo che le nostre occupazioni ci consentono di trovare, abbiamo deciso di fare le cose in grande per quanto riguarda la serata. Volendo approfittare della cronica assenza di nubi dal cielo ateniese e della presenza della luna piena, il nostro piano era quello di inerpicarci sulle pendici della nostra città per godere della vista dall’alto della nostra meravigliosa capitale.

Abbiamo scelto come meta il grazioso quartiere (o meglio, comune) di Petroupoli che si trova a ovest del centro, a poca distanza dal popoloso e ampio comune di Peristeri; Petroupoli è meta già ampiamente nota alla mia compagna di blog dato che in questo simpatico e moderno comune ha trascorso diverso tempo durante le sue frequentazioni in terra ellenica prima che vi si stabilisse definitivamente. Non volendo però rivangare tragici pasti di famiglia in locali seppur promettenti (quanto meno per la vista su Atene) abbiamo di comune accordo stabilito di provare qualcosa di nuovo per entrambi e ci siamo mossi in direzione Petroupoli fiduciosi di trovare la meta in relativo poco tempo.

Superate Piazza Syntagma, l’Università, la celeberrima Piazza Omonia, la terribile zona di Metaxourgheio e lasciato l’enorme Viale Athinon (che continuerebbe poi per Corinto, volendo..) eccoci sul lunghissimo viale Thivon che ci introduce a Peristeri; da qui in poi è un continuo salire di quota finché non raggiungiamo il familiare comune di Petroupoli. Trovata in breve tempo la taverna che volevamo testare, rimaniamo abbastanza sconcertati nel vedere che è deserta; Atene tra venerdì sera e sabato mattina/pomeriggio si è letteralmente svuotata (prova ne sono i viali e le vie insolitamente privi di traffico e i numerosi parcheggi disponibili un po’ovunque) e anche a Petroupoli l’effetto si fa sentire. Sentitici abbastanza in soggezione per essere gli unici avventori (erano quasi le 22, nemmeno troppo presto) decidiamo di cambiare rapidamente programma e su consiglio di Αττική scendiamo di qualche centinaio di metri per provare una taverna che la qui di sopra aveva provato solo come take-away ma che in realtà offre anche numerosi posti a sedere per i clienti che desiderano fermarsi.

Il nome della taverna è Κληματαριά (Klimataria) e rimaniamo piacevolmente sorpresi nel constatare che almeno qui non siamo gli unici avventori ma c’è un minimo di movimento. Veniamo rapidamente serviti e prendiamo tra le altre cose crocchette di formaggio, calamari fritti, cotolette di pollo e un buon vino rosè. Il tutto per l’irrisoria cifra di nemmeno 10 euro a testa. Qualità del cibo molto buona e porzioni quantomeno umane e non impossibili anche solo da affrontare. Non so quanto di voi si spingeranno mai a Petroupoli, data la sua posizione abbastanza distante dal centro di Atene e dalle sue attrazioni turistiche ma se vorrete seguire le nostre orme questo è un posto decisamente consigliato dove mangiare qualcosa senza troppe pretese.

Il piano per il dopocena prevedeva di salire fino al Terra Petra, ovvero una sorta di complesso di locali (tra cui ospitato anche un teatro) il cui piatto forte è una vista impagabile e impareggiabile su tutta Atene; durante il tragitto abbiamo però deciso di virare sulla versione popolare del piano, ovvero raccattare qualcosa da bere in un chiosco e fermarci a sorseggiare tranquillamente la nostra bevanda nell’ampio parcheggio (comunque quasi del tutto esaurito anche in questo sabato di Agosto) gustandoci comunque la vista e senza farci rapinare per una bevanda aspettandola un’eternità ed essendo costretti ad ascoltare musica indecorosa. Il risultato non credo sia disprezzabile comunque.

In conclusione, serata tranquilla e piacevole in una meta decisamente fuori dai percorsi più battuti in un’Atene semi-deserta ma sempre affascinante (e finalmente un po’più vivibile grazie al vento settentrionale, il meltemi, che si è riattivato da ieri e che rende la calura meno traumatica rispetto a qualche giorno fa). Se volete sfuggire ai ritmi frenetici e caotici di Atene questo può essere un luogo da prendere in considerazione, a patto che disponiate di un vostro mezzo a motore o di molta pazienza per raggiungerlo coi mezzi pubblici.