Browsing Category

Syntagma

images
Cosa vedere, Syntagma

Syntagma

La frenetica zona di Syntagma è un centralissimo snodo della altrettanto caotica Atene. A renderla così trafficata e, talvolta, congestionata, è la presenza in primo luogo del Parlamento greco e di alcune sedi di Ministeri.                        Secondariamente, i negozi più conosciuti e tra i locali più frequentati hanno aperto da queste parti. Se fate un giro sulle viette che portano da Syntagma a Monastiraki capirete bene di cosa stiamo parlando.

Sfuggire però alla ressa è possibile; un giro corroborante all’interno dei giardini nazionali o in quelli dello Zappio e una visita al stadio Panathinaiko fanno dimenticare di trovarsi nel bel mezzo di una metropoli affollatissima. 

Tutto questo, ovviamente, è meglio farlo dopo aver assistito alla “danza” degli euzones che, ad ogni scoccare d’ ora, si danno il cambio davanti al Parlamento.

Euzones:

                                                               download (4)

Se volete evitare la folla che si accalca nelle ore più tarde, iniziate la giornata  godendovi il complicato rituale inscenato dagli Euzones ad ogni cambio d’ora davanti al Parlamento. Tutto il giorno, due guardie sorvegliano la Tomba del Milite Ignoto e il Parlamento ellenico. Allo scoccare dell’ora, i due soldati danno luogo all’elaborata cerimonia del cambio della guardia con altri due Evzones che arrivano dalla Caserma della Guardia situata dietro al Palazzo del Parlamento. Lo stile di marcia delle guardie è molto particolare e consiste in una marcia normale con intervalli in cui i soldati colpiscono il terreno con il piede destro. Durante il cambio della guardia in Atene gli Evzones effettuano i loro movimenti molto lentamente e in modo altamente coreografico.

Non perdetevi la cerimonia che avviene la domenica all’incirca alle 10.45 , con tanto di sfilata; cercate di arrivare presto perchè soprattutto in estate è molto affollata.

 

Stazione della metro e reperti archeologici:

                                                                      download (6)

Scendete poi nella stazione della metropolitana di Syntagma dove è stato allestito un piccolo museo che mette in mostra i reperti rinvenuti duranti i lavori per la realizzazione delle linee transitanti da questo importante snodo. Accanto all’entrata principale della metro, in superficie, potrete ammirare altrettanto parte dell’antico sistema dell’acquedotto di Pisistrato.

 

Giardini nazionali:

Si trovano accanto al Parlamento e costituiscono un’importante zona verde nel centro più centro di Atene. La loro creazione si deve alla volontà reali greci che li progettarono, come luogo privato, intorno al 1830. Significativa la presenza di piante originarie di diverse parti del mondo in stretta relazione con l’originaria destinazione dei giardini come luogo di ricerca botanica. I giardini sono aperti al pubblico ogni giorno dal sorgere al calare del sole.

 

Zappio:

                                                           download (7)

A sud rispetto ai giardini nazionali si trova un altro importante edificio, lo Zappio. Si tratta di un edificio costruito come spazio polifunzionale ma che ultimamente ha  una funzione prevalentemente rappresentativa. Il progetto fu finanziato soprattutto dal commerciante greco Evangelos Zappas e prese il nome dal suo mecenate. Lo Zappio venne completato nel 1888 e da allora ha ospitato diverse importanti cerimonie e mostre. Durante le Olimpiadi del 2004 è stata la sede della sala stampa della manifestazione.

 

Stadio Panathinaico:

                                                         download (23)

Lo Stadio Panathinaico (“di tutti gli ateniesi”) è anche conosciuto come il “Kallimarmaro”(dei bei marmi”); per la sua realizzazione è stato usato unicamenente marmo del monte Pentelis. Iniziato nel IV secolo, ospitava i giochi in onore di Atena, la dea protettrice della città. Originariamente per la sua costruzione venne utilizzato del legno ma grazie a Licurgo, intorno al 330 a.C., si procedette a rinnovarlo con del marmo; lo stadio fu successivamente ampliato da Erode Attico, raggiungendo la straordinaria capienza di 50 000 posti. Dopo il declino della città durante l’era cristiana e le dominazione franche e ottomane, lo stadio cadde lentamente in rovina. Gli scavi archeologici hanno riportato alla luce l’antico stadio dando il via ai lavori di ristrutturazione, possibili grazie alla generosa donazione del benefattore greco George Averoff, furono terminati in tempo per ospitare i primi Giochi Olimpici moderni nel 1896.

Lo stadio è stato protagonista, in epoca moderna, di tutti i principali eventi sportivi in Grecia recenti e viene utilizzato come sede di celebrazioni degli atleti greci vittoriosi, come, ad esempio, quella della nazionale di calcio vincitrice del Campionato europeo. Il Panathinaico è inoltre il punto di arrivo della Maratona di Atene che si svolge annualmente in città.

Biglietti:

Intero 5 €, ridotto 2,5 €

Orari apertura:

Orario invernale dall’ 1/11 al 31/3   Ogni giorno: 08.00- 17.00

Orario estivo dal 1/4 al 30/10           Ogni giorno: 08.00-19.00

Giornate di apertura con ingresso gratuito: 6 marzo: Giornata “Melina Merkouri”; 18 aprile: Giornata dei Monumenti; 18 maggio: Giornata Mondiale dell’Ambiente; 28 ottobre: Festa Nazionale Greca.

Chiusure: 1 gennaio, 25 marzo, 1 maggio, Domenica di Pasqua (greca), 25 dicembre, 26 dicembre.

Come arrivare:

Leoforos Vassileos Konstantinou

Tram linee 4-5 (fermata Zappeio)

Trolley: 4, 10, 11 (fermata Metz o Stadio)

Autobus : 209 (fermata Metz o Stadio), 550 (fermata Stadio)