Browsing Category

Keramikos e Gazi

download (18)
Cosa vedere, Keramikos e Gazi

Keramikòs

KERAMIKOS/GAZI

La zona del Keramikòs si trova a poca distanza da Monastiraki e sfocia sulla trafficata odòs Pireòs. Prende il nome dal quartiere usato in epoche remote prima dai vasai che lavoravano la ceramica e poi, in seguito alle numerose piene del fiume Eridanòs che scorre tuttora tra le rovine, tramutato in luogo di sepoltura per le personalità importanti dell’Atene antica. Grazie agli scavi archeologici compiuti dal 1913 in modo sistematico nel sito è ora possibile ammirare, oltre all’antico quartiere di produzione delle ceramiche, parte della fortificazione ateniese e all’ultimo tratto della Ierà odòs (la strada sacra che conduceva da Atene ad Eleusi); i reperti rinvenuti sono in gran parte esposti nell’ adiacente museo del Keramikòs, una piccola gemma che vale davvero la visita.

 

La zona attigua al Keramikos, Gazi, (un tempo chiamata Γκαζοχώρι – Gazochori o  Φωταέριο- Fotaerio) si diparte che dall’incrocio tra odòs Pireòs e la Ierà odòs. Gazi deve il proprio nome alla fabbrica di gas che si installò qui nel 1857 e che cessò la produzione negli anni’80 del 1900. Il gasometro che fa bella mostra di sè accanto alla centrale plateia è un po’ il simbolo della zona. Non molto lontano sorge Technopolis, uno spazio polivalente, nato dopo la dismissione della fabbrica, che comprende al suo interno un museo industriale di notevoli dimensioni.

                                                                download (16)

Dopo l’abbandono da parte dell’attività industriali, il quartiere operaio di Gazi ha subito una lenta trasformazione in favore dell’apertura delle molte taverne, kafetèrie, ritrovi notturni e discoteche che si susseguono senza interruzione soprattutto nei pressi della metropolitana.

Scegliete quindi Gazi se volete provare una delle zone più in voga per quando riguarda il divertimento notturno: qui troverete discoteche e locali aperti fino all’alba.

A Keramikòs e a Gazi si arriva comodamente con la metro scendendo alla fermata omonima del Keramikòs. Qui, dopo aver visitato il sito archeologico, vi consigliamo di fermarmi a ristorarvi nell’ adiacente Gazi, in uno dei molteplici locali della zona. Non sarà difficile trovare qualcosa che vi aggradi; potrete scegliere infatti tra ristoranti di carne e di pesce, mezedopolìa o street food a seconda dei vostri gusti e del vostro appetito.

  • Sito e museo del Keramikòs:

 

                                                                  download (18)

Il sito del Keramikòs deve il suo nome all’antico dimos (divisione amministrativa dell’epoca classica) di Kerameis che si trovava sul lato nordoccidentale dell’Acropoli , lungo il fiume Eridanos. Il dimos comprendeva una zona interna alle mura cittadine dove si trovavano le officine dei vasai ed è per questo che alcuni ritengono che la sua denominzione derivi dal termine greco κέραμος (keramos,  “terracotta”). All’esterno delle mura era presente una necropoli utilizzata fin da XII sec. a.C e sviluppata su due direzioni; lungo la “via dell’Accademia”, dove sorgeva la scuola instaurata da Platone, che usciva dalle mura cittadine attraverso la porta detta Dipylon (“doppia porta”), e lungo la “via Sacra” che conduceva al santuario di Eleusi, ed usciva dalla città appunto dalla “Porta Sacra”.

I reperti rinvenuti durante gli scavi effettuati prima accidentalmente nel 1863 per la costruzione di una strada verso il Pireo e in seguito, dal 1913, in modo sistematico, sono in gran parte esposti nell’adiacente museo del Keramikòs, una piccola gemma che consigliamo davvero di visitare.

Biglietti:

Intero 8 €, ridotto 4 € (è compreso nei siti visitabili con il biglietto cumulativo per l’Acropoli)

Orari apertura:

Lunedì: 11.00-15.00 Martedì-Domenica: 08.30-15.00

Giornate di apertura con ingresso gratuito:

6 marzo: Giornata “Melina Merkouri”; 18 aprile: Giornata dei Monumenti; 18 maggio: Giornata Mondiale dell’Ambiente; 28 ottobre: Festa Nazionale Greca.

Chiusure:

1 gennaio, 25 marzo, 1 maggio, Domenica di Pasqua (greca), 25 dicembre, 26 dicembre.

Come arrivare:

Odòs Ermou 148

Metropolitana linea blu (fermata Keramikòs), linea verde (Monastiraki)

 

Mangiare e bere:

Se decidete di visitare il Keramikos di mattina prima o poi necessiterete di un po’ di ombra e frescura. Fermatevi ad una delle molteplici kafeterie nelle vicinanze della metropolitana per risposarvi e gustare, ad esempio, un buon caffè greco.

Tra tutti i locali presenti vi consigliamo il Millenium, Voutadon 60, con molti e comodi posti a sedere e che serve un’ampia varierà di caffè e bevande calde e fredde.

Se volete allontanarvi dalla folla fate invece qualche passo in più e sedetevi al Magritte, Sofroniou 12. La calma dei vicoli di Gazi vi farà dimenticare per un attimo di essere in una caotica metropoli.

Per un’esperienza indimenticabile salite sulla terrazza del Gazarte, Voutadon 34, un spazio polifunzionale (sede di mostre) da dove la sera potrete ammirare l’Acropoli illuminata sorseggiando il vostro drink.

Riguardo al cibo, data la vasta possibilità di scelta vi segnaliamo solo alcuni dei locali dove potrete gustare dell’ottima cucina greca.

Amanti della carne? Il Kàndavlos, Persefonis 47, è quello che fa per voi! Le proposte sono davvero tante e variegate a seconda del vostro appetito.

Se siete indecisi su cosa scegliere o vi volete fare un’idea della cucina greca provando tanti piccoli assaggi il posto che fa per voi è il Gazochori, Dekeleon 6. In un ampio cortile interno questo è un locale colorato che offre un menù variegato, buoni piatti e prezzi modici. In poche parole un must irrinunciabile di Gazi!

Altro mezedopolio di successo, sempre molto frequentato è il Kanella, Evmolpidòn 70. Piatti della tradizione greca eseguiti con fantasia. Buona scelta di piatti per vegetariani e per chi, stremato dal caldo ateniese, non se la sente di affrontare troppa carne.

Non sapete decidervi tra carne e pesce? Provate il Sardelles, Persefonis 15, che li propone tutte e due. Davanti al suo vasto ed interessante menù potrete ordinare quello che preferite, la vostra scelta sarà comunque un successo.

Dritta SRDK:

La zona di Gazi, sempre molto frequentata, cambia comunque radicalmente aspetto passando dalla calma del giorno alla frenesia della notte. Se volete evitare affollamento, rumore e quant’altro cercate di visitarla durante la settimana e la sera non troppo tardi. Se invece siete alla ricerca del divertimento fino a tarda notte, sappiate che il movimento vero e proprio per discoteche e locali che tengono aperti fino alla mattina non inizia prima di mezzanotte