Browsing Category

Acropoli

download (1)
Acropoli, Cosa vedere

Acropoli

L’Acropoli è il luogo simbolo e come potrete immaginare non è certo isolato dal resto della città; la zona in cui sorgono le vie che conducono alla collina più famosa (e bella) del mondo è tra le più frequentate, eleganti e famose della capitale. Si tratta di poche vie, la maggior parte pedonali, tra la Plaka, Monastiraki, Thisio e i giardini dello Zappion ma che ospitano alcune tra le attrazioni più celebri di Atene.

Va da sé che grazie alla sua abbondanza di attrazioni storiche e culturali questa è tra le zone più frequentate dai turisti – greci e stranieri – di Atene e che questo comporta una serie di vantaggi e svantaggi; la sicurezza è garantita giorno e notte da diverse pattuglie della polizia ma è comunque bene fare attenzione a sedicenti guide turistiche che tenteranno di accalappiarvi per un tour dell’Acropoli a prezzi folli. 

Di seguito trovate informazioni utili e aggiornate sui siti principali che potreste visitare, orari di apertura e costi dei biglietti:

 

  • Acropoli:

Immancabile un giro sulla collina più famosa della Grecia per ammirare Partenone, Eretteo, il tempio di Atena Nike e i Propilei e per godere di una delle viste migliori della città sottostante fino al Pireo. Vivamente consigliata la visita in primavera o autunno quando le condizioni climatiche sono più adatte. In estate evitate le ore centrali della giornata- non c’è ombra sotto la quale ripararsi dal caldo cocente – in inverno tenete presente che l’Acropoli potrebbe essere sferzata, nei giorni più freddi, da raffiche di venti gelidi.

Partenone:

                                                             download (1)

Il tempio più famoso della Grecia rappresenta la più alta espressione dell’arte di epoca classica. Costruito per iniziativa di Pericle dagli architetti Callicrate e Ictino per sostituire il più antico tempio di Atena Poliàs  distrutto dai Persiani nel 480 a.C., al tempo delle guerre persiane, fu realizzato utilizzando marmo del monte Penteli. Il lavori per la sua edificazione durarono circa 15 anni e si conclusero nel 432 a.C. All’interno del Partenone si ergeva la monumentale statua di culto raffigurante Atena Parthénos (Παρθένος). All’esterno, lungo i muri della cella, correva il  ricco fregio progettato da Fidia e raffigurante la processione panatinaica che si svolgeva ogni quattro anni in concomitanza con la festa della dea Atena. Di notevole pregio sono inoltre i due frontoni del tempio, realizzato con statue di sublime fattura (in parte conservate al British Museum), che rappresentavano la nascita di Atena (frontone orientale) e la disputa della dea con Poseidone per il dominio sulla città di Atene (frontone occidentale).

Eretteo:

                                                              download (10)

Questo santuario, dedicato alla dea Atena Poliade (protettrice della città), era legato a culti arcaici e alle antiche leggende della città. Secondo il mito qui  sarebbe infatti svolta la disputa tra Atena e Poseidone per il controllo di Atene. In antichità  si narra che vi si custodissero le memorie della competizione tra i due dei; i segni del tridente del dio su una roccia, un pozzo di acqua salata da cui sarebbe uscito il cavallo, dono del dio, e l’olivo, donato dalla dea Atena alla città. Sempre secondo la leggenda in questo luogo il re Cecrope avrebbe consacrato il Palladio, la statua della dea caduta miracolosamente dal cielo. Il santuario ospitava inoltre le tombe dello stesso Cecrope e di Eretteo. Di notevole pregio la loggia a sud sorretta dalle statue di giovani donne, le Cariatidi. Iniziata intorno al 420 a.C la costruzione del tempio fu interrotta per la spedizione in Sicilia e terminata intorno al 406 a. C.

Propilei:

                                                         download (7)

I Propilei sono l’ingresso monumentale dell’acropoli di Atene. La facciata del corpo centrale è ornata di sei colonne doriche simili in proporzione a quelle del Partenone; la coppia centrale di colonne è più distanziata per lasciare più spazio al carro della processione delle Panatenee per la festa della dea Atena. I Propilei di Pericle furono eretti tra il 437 a.C.  e il 432 a.C. dall’architetto Mnesicle, ma nel 431 a.C., a causa della guerra del Peloponneso, i lavori furono interrotti e mai portati a termine.

 

Tempio di Atena Nike:

                                                                 download (11)

Questo tempietto, costruito interamente in stile ionico a partire dal 425 a.C. si pensa possa essere opera dell’architetto Callicrate, coautore del Partenone. Pregevoli i fregi della balaustra scolpita con motivi di Nike colte in varie attività (celebre quella che si riallaccia un sandalo) che si possono ammirare  al museo dell’Acropoli. La statua di culto della dea, conservata all’interno, era in questo caso di legno e teneva in mano una melagrana. La statua era stata progettata senz’ali in modo che che la dea della vittoria (Nike, appunto) non abbandonasse mai  la città.

Biglietti:

Intero solo Acropoli: 20 €, ridotto 10 €  (10 € intero durante l’inverno)

Biglietto cumulativo (30 € intero, 15 € ridotto) valido per Acropoli, Museo dell’Antica Agorà, sito e Museo Archeologico del Keramikòs, Biblioteca di Adriano, sito del Liceo di Aristotele, sito archeologico di Zeus Olimpio, Antica Agorà Romana.

La validità del biglietto è di 5 giorni.

Giornate di apertura con ingresso gratuito:

6 marzo: Giornata “Melina Merkouri”; 18 aprile: Giornata dei Monumenti; 18 maggio: Giornata Mondiale dell’Ambiente; 28 ottobre: Festa Nazionale Greca.

Ogni prima domenica del mese dal 1° novembre al 31 marzo

Ogni ultimo weekend di settembre (Giornata Europea del Patrimonio Culturale)

Orari apertura:

Orario invernale dall’ 1/11 al 31/3   Ogni giorno: 08.00- 17.00 (ultimo ingresso mezz’ora prima)

Orario estivo dal 1/4 al 30/10           Ogni giorno: 08.00-20.00 (ultimo ingresso mezz’ora prima)

Chiusure:

1 gennaio, 25 marzo, 1 maggio, Domenica di Pasqua (greca), 25 dicembre, 26 dicembre.

Come arrivare:

Metropolitana rossa (fermata Acropoli)

 

  • Museo dell’Acropoli:

Il nuovo museo dell’Acropoli è stato inaugurato nel 2009 ed ospita nella nuova sede ai piedi della collina del Partenone, la collezione, arricchita e restaurata, di opere già esposte nel vecchio museo. Sull’Acropoli  già dal 1863 era in funzione un piccolo museo che raccoglieva i ritrovamenti sul posto tra cui frammenti di decorazione architettonica e statue di epoca classica.

L’ampiezza delle collezioni ha fatto però propendere per la realizzazione di un nuovo museo, costruito con l’intento di dare risalto soprattutto ai marmi una volta collocati sui frontoni del Partenone. Al piano superiore si possono ammirare-  in uno spazio che segue l’orientamento reale del Partenone – tutte le parti del fregio conservatesi e delle copie dei frammenti esposti al British Museum di Londra.

La visita ai reperti si svolge seguendo un ordine cronologico che inizia dall’epoca e prosegue fino a quella romana. Oltre ai marmi del Partenone degni di nota sono le cinque Cariatidi originali dell’Eretteo (quelle che si vedono sull’Acropoli sono delle copie- la sesta originale si trova a Londra), la statua della “Kore col peplo”, la stele dell’”Atena pensosa”, il “Moscoforo” (statua di un giovane che porta sulle spalle un vitello).

Biglietti:

Intero 5 €, ridotto 3 €

Orari apertura:

Lunedì: 08.00-16.00  Martedì- Giovedì: 08.00-20.00  Venerdì: 08.00-22.00

Sabato- Domenica: 08.00-20.00

Giornate di apertura con ingresso gratuito:

25 marzo, 18 maggio, 28 ottobre

Chiusure:

1 gennaio, domenica di Pasqua 1 maggio 2016, martedì 3 maggio (per recuperare la festività del 1°maggio), 25 dicembre, 26 dicembre

Come arrivare:

Dionisou Areopagitou 15

Metropolitana rossa (fermata Acropoli)

Sito del museo: http://www.theacropolismuseum.gr/