download (7)
Trasferirsi in Grecia

Trasferirsi in Grecia: consigli per farcela con successo

Trasferirsi in un altro Paese non è mai un passo facile, in nessuna circostanza: bisogna scendere a patti con le proprie paure, andare oltre alla propria “comfort zone”, riinventarsi a volte in un altro lavoro, etc…

Per trasferirsi con successo è a mio avviso necessario agire su due fronti: quello personale e quello più strettamente pratico; ciò significa che bisogna lavorare tanto sulle caratteristiche personali e sulle ragioni della scelta che si sta per fare quanto sulla fattiva preparazione della nuova esperienza.

Se cambiare Paese, come accennavo, non è mai semplice potrebbe non essere immediatamente agevole spostarsi in Grecia, un Paese ricco di prospettive ma purtroppo attanagliato da anni da una crisi che rende difficile a chi si trasferisce elaborare soprattutto nuovi orizzonti lavorativi. Pensare bene al passo che si sta per fare è indispensabile allora per non sprecare tempo e risorse preziose.

I consigli che mi sento di dare a chi decide di stabilirsi qui sono frutto della mia esperienza e di quella di chi ha fatto questo passo prima o dopo di me. Sono orientati a supportare chi vuole trasferirsi per scelta (personale, d’amore etc…) ma possono essere utili altrettanto a chi si trasferisce in Grecia per lavoro e magari fa un’esperienza all’estero per la prima volta e vorrebbe sapere come muoversi.

Dopo averli letti spero non vi resti che trovare il coraggio per fare il passo decisivo. Se desiderate dei suggerimenti più approfonditi vi consiglio di consultare le sezioni “Trasferirsi in Grecia” e “Italiani in Grecia”.

Iniziamo quindi col vedere i consigli che più hanno a che fare con la parte personale. Non sottovaluterei l’importanza di un esame individuale perchè possiamo riuscire nel nostro progetto solo conoscendo chi siamo e cosa vogliamo, le nostre risorse e i nostri limiti.

CONSIGLI PERSONALI:

  • Capire cosa ci può offrire davvero il Paese

Attenzione a non prendere la decisione di trasferirsi al ritorno da una vacanza entusiasmante (o avendo fatto solo vacanze in Grecia) perchè in ogni Paese la realtà è diversa da quella che si può percepire durante una vacanza. Date tempo alla vostra voglia improvvisa di Grecia di sedimentare un po’ valutando bene e senza preconcetti le prospettive di lavoro e di vita che la Grecia più offrirvi in confronto a quella di altri Paesi. Chiedetevi, ad esempio, quali lavori potreste andare a fare una volta sul posto (sopratutto se non parlate greco), se la retribuzione è confacente alle vostre esigenze (siete disposti a guadagnare magari meno per realizzare il vostro desiderio?), se davvero vi sentite pronti ad affrontare i contro (alcuni li potete trovare nell’ articolo “Pro e contro del vivere in Grecia“) della vita in terra ellenica.

  • Analizzare le proprie caratteristiche e capacità

Conoscere i propri punti deboli è molto utile per comprendere se davvero si ha la stoffa per resistere all’estero. Ad esempio, trascorrere del tempo lontano dal proprio Paese, dalle proprie abitudini e dalle proprie persone è meno facile di quanto si pensi. Se si è molto attaccati al proprio modo di vivere, ci si adatta difficilmente ai cambiamenti e si fa fatica ad instaurare rapporti con persone nuove forse è il caso di ripensare alla propria scelta. Il rischio del non valutare bene la propria decisione è quello di arrivare sul posto, trascorrere un periodo frustrante per poi ripartire con la sensazione di aver fallito.

  • Avere delle aspettative obiettive

Quando pensiamo alla nostra vita in un nuovo Paese (nel nostro caso, in Grecia) siamo tentati di pensare che lì tutto sarà fantastico, il lavoro non ci peserà, i rapporti con le persone saranno ottimi, ogni difficoltà sarà appianabile etc…purtroppo non è così! Possiamo positivamente sperare che la qualità della vita migliori (se magari amiamo il mare e ci trasferiremo su un’isola) e diventi più “semplice” ma nessun garantisce che la quotidianità si trasformerà improvvisamente in qualcosa di appagante solo perchè abbiamo cambiato Paese; i doveri, le incombenze, le persone intrattabili, i problemi pratici ci sono in Grecia come altrove.

  • Preparasi ad una mentalità diversa

Per quanto la Grecia possa sembrare un Paese amico, con una mentalità affine alla nostra e gente aperta, non è sempre così. Ad Atene le cose sono diverse che nel resto della Grecia. Non aspettatevi di trovare un’elevata apertura mentale in un’isoletta dell’Egeo dove si vedono turisti solo per tre mesi all’anno e la popolazione vive per lo più di pesca e allevamento. All’inizio, più la società è chiusa  più sarà difficile inserirsi e venire accettati in un ruolo diverso dal quello del “turista”. Valutate bene questo aspetto se per voi la socialità è importante.

  • Prevedere le difficoltà e di sconforto

Il processo di trasferimento non è mai facile perchè i problemi pratici (trovare alloggio e lavoro, farsi degli amici etc…) da affrontare sono innumerevoli. Vi potrà capitare di sentirvi inadeguati e stressati a causa dei tanti aspetti quotidiani da organizzare o migliorare. E’ normale; alcune procedure sono ansiogene e affrontarle in un altro Paese che si conosce poco lo è sicuramente di più. Accettate gli attimi di sconforto non come una debolezza ma come l’occasione per fissare nuovi obiettivi. E non domenticate di congratularvi con voi stessi per essere arrivati dove siete!

  • Tenere presente che la scelta è revocabile

Se, nonostante tutte le precauzioni, vi accorgete che la vita in Grecia- per diverse ragioni- non è quella che vi aspettavate non esitate a ripensare la vostra scelta. Potete prendete in considerazione la possibilità di trascorrerci solo le vacanze. E’ più sensato capacitarsi dell’impossibilità di stabilirsi definitivamente che vivere una vita non soddisfacente solo perchè non si vuole riconsiderare i propri progetti.

E passiamo ora ai consigli pratici per impostare il vostro trasferimento:

 

CONSIGLI PRATICI

  • Decidere dove si vuole andare esattamente

Uno degli elementi di sicuro successo è l’aver deciso il più precisamente possibile dove ci si vuole trasferire. “Trasferirsi in Grecia” è un’espressione troppo vaga, così come lo è ”su qualche isola”! Non tutti i posti sono uguali  e nemmeno le isole lo sono tra loro (Paros non è Donoussa  e nemmeno Creta per capirci). Grecia per tantissime persone significa mare e casette bianche ma non limitate la vostra visione, di vita ed imprenditoriale, alle sole isole, magari solo alle Cicladi! Ci sono altri posti sulla terra ferma altrettanto caratteristici e che non presentano i problemi strutturali delle isole. Basta solo girare un po’ per scoprirli (e magari fare un investimento più remunerativo). Pensate comunque ad un’isola? Se non ne avete una che vi ha ammaliato in particolare restringete il campo a due o tre che abbiano le caratteristiche che vi interessano. Vi sarà più facile e meno dispersivo raccogliere le informazioni necessarie.

  • Consultare chi è già sul posto

Una volta deciso dove volete dirigere le vostre attenzioni provate ad interpellare o a leggere le testimonianze (tramite gruppi Facebook, blog, etc…) di chi sul posto c’è già. Prendete con cautela però le varie risposte- sopratutto quelle alle domande su come si sta o sul costo della vita- perchè quello che vale per altri potrebbe non valere per voi. Siate il più precisi possibili nel porre i vostri interrogativi e mantenete un certo distacco: niente facili entusiasmi ma nemmeno repentine delusioni che vi facciano abbandonare il vostro progetto.

  • Provare a trascorrere dei periodi nel luogo scelto

Passare da fare le vacanze in un posto allo stabilircisi potrebbe non essere la scelta più idonea: un turista quasi mai riesce a comprendere le difficoltà del vivere in un luogo. Per questo la cosa migliore sarebbe concedersi dei periodi di permanenza che permettano di entrare più in contatto con la realtà locale, sopratutto con quella lavorativa se prevedete di dover trovare poi un impiego. Se non avete mai affrontato un inverno su un’isola e pensate di stabilirvici tutto l’anno provate a passarci qualche mese della stagione fredda per verificare la vostra resistenza e la fattibilità pratica (collegamenti con la terraferma, vivibilità del posto) di questa scelta.

  • Imparare la lingua

Imparare il greco non vi aiuterà solo nelle azioni pratiche quotidiane ma vi permetterà, se siete interessati a ciò, di diventare più velocemente membro della comunità di cui andrete a far parte e questo comporterà innumerevoli vantaggi (primo far tutti quello di dare l’impressione agli autoctoni di essere più convinti della propria scelta e risultare più credibili). Se potete iniziate a studiare la lingua prima di partire così da potervi già esercitare sul posto. I greci accoglieranno di sicuro con entusiasmo i vostri sforzi e instaureranno subito dei rapporti più stretti con voi.

  • Elaborare un piano per la creazione di un’attività

Questo consiglio è dedicato a chi vuole aprire un’attività in proprio una volta giunto sul posto. Nonostante la Grecia attragga ogni anno sempre più turismo non bisogna dimenticare che il Paese si trova ad attraversare una crisi economica senza precedenti. Soprattutto se non avete in progetto di investire nelle isole più turistiche tenete presente, nello stilare un piano di azione che i tempi per il recupero del capitale investito potrebbero essere dilatati. Se, al contrario, puntate su qualche isola non dimenticate che a volte non è per nulla facile entrare in un mercato a volte chiuso agli “stranieri” e che sulla maggioranza delle isole la stagione turistica è davvero breve (a volte dura solo 3 mesi).

  • Informarsi nel dettaglio su cosa serve per trasferirsi, lavorare, aprire un’attività

Presa la decisione di trasferirsi bisogna capire quali documenti e quali procedure servono per risiedere in maniera permanente nel Paese o per avviare magari un’attività. Non sottovalutate l’importanza del recuperare tutte le informazioni utili prima della vostra partenza perchè questo vi permetterà di capire le tempistiche e il consumo di risorse (economiche e personali). I tempi e i costi della burocrazia greca potrebbero farvi desistere quando sarete sul posto se non partite preparati. Potete consultare le procedure per il trasferimento della residenza e non solo nella sezione del blog “Trasferirsi in Grecia”.

  • Prendere alloggio e trovare lavoro da dipendenti

Una volta compiuti tutti  passaggi sopra elencati restano due problemi pratici da risolvere, preferibilmente prima di partire: trovare un alloggio e un impiego con cui sostentarsi. Se pensate di restare in Grecia per un periodo di tempo limitato potete cercare un appartamento tramite il web (con annunci o pubblicando qualche post sui gruppi Facebook) ma se calcolate di fermarvi di più uno o più sopralluoghi sono assolutamente necessari. La stessa cosa vale per il lavoro, soprattutto se desiderate aprire un’attività in proprio. In questo caso trascorerre un periodo nella località prescelta diventa indispensabile perchè vi darà la possibilità di tastare il terreno e verificare la fattibilità del progetto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply