Cultura e foto

Le frasi più assurde che abbiamo sentito dire su Atene

Atene è pericolosa perché c’è la crisi: assolutamente no, la crisi è palese che vi sia ma Atene non ha subito un deterioramento delle sue condizioni di sicurezza per questo motivo. Non vogliamo prendervi in giro dicendo che ovunque sia possibile girare spensieratamente; è pur sempre una metropoli europea in cui vi abitano milioni di persone ed è bene fare attenzione soprattutto di sera in determinate zone ma la crisi non ha influito in questo. Ribadiamo però il concetto che durante le manifestazioni di piazza è meglio tenersi alla larga perché gli sviluppi potrebbero essere improvvisi e imprevedibili (bombe molotov, cariche della polizia ecc.) per cui durante quei momenti è meglio evitare la zona di Piazza Syntagma ed Exarchia, dove si concentrano maggiormente gli scontri tra manifestanti e polizia.

 

Atene è brutta: la bellezza è soggettiva, ma sfidiamo chiunque sia stato ad Atene e abbia visitato i suoi monumenti e i suoi musei a definirla brutta. Possiamo concedervi che Atene a prima pelle o la si ama o la si odia; per il traffico, la disorganizzazione e il caos latenti (indovinate a noi che effetto ha fatto).  A differenza di molte altre capitali europee il centro di Atene è la zona più degradata, con edifici abbandonati e fatiscenti ma se siete nostri lettori saprete in quali zone potrete ammirare la bellezza di Atene; non vi nascondiamo che a noi questa città piace anche e soprattutto per le sue mille sfaccettature e la molta differenza che vi si può trovare tra un quartiere e l’altro anche a poca distanza l’uno dall’altro.  E poi in quale altra città al mondo si può trovare un connubio così riuscito tra la storia e la cultura dei suoi musei e siti archeologici, la ricchezza di divertimenti, avvenimenti, concerti, una cucina tra le migliori al mondo e spiagge a poca distanza dal centro?

 

Atene è economica: dipende da molti fattori. Per alcune cose è molto più economica dell’Italia come per esempio il mangiare fuori nelle taverne e in molti ristoranti (per quelli che propongono cucina di alto livello o straniera il costo è pressoché simile a quello italiano) o per gli affitti; per la vita quotidiana non sempre è così. Sebbene si possa risparmiare qualcosa nelle αγορές (i mercatini rionali) soprattutto per quanto riguarda frutta e verdura, nei supermercati la merce costa e non poco. I trasporti invece sono un’eccezione: il biglietto singolo è quasi al livello di una città italiana (1,40 € contro gli 1,50 € di Milano) ma la tessera mensile costa solo 30 € e permette di muoversi in tutta la grande area urbana ateniese. Il fatto che ci sia crisi non la rende automaticamente una città economica, anzi è tra le più care della Grecia. Se vi può però interessare il carburante qui costa molto meno rispetto alle isole.

 

Ad Atene fa sempre caldo e c’è sempre il sole: ma nemmeno per sogno! Soprattutto in autunno e in inverno normalmente fa più caldo rispetto all’Italia, ma non fatevi illusioni perché quando fa freddo fa veramente freddo, specialmente quando arrivano i venti gelidi da est; non trovando montagne a smorzarli arrivano in tutta la loro forza e non è raro che seguano o anticipino nevicate che in centro e in riva al mare molto difficilmente lasciano traccia, ma in collina e sui monti a nord e a ovest della capitale è possibile vedere la neve soprattutto tra Dicembre e Febbraio. La situazione è resa ancora meno sopportabile dal fatto che in molti appartamenti si è preferito staccare il riscaldamento centralizzato durante i mesi invernali a causa della crisi, preferendo affidare a stufette elettriche o a gas (o a climatizzatori con pompa di calore) il compito di riscaldare le abitazioni. Per quanto riguarda la pioggia, potrete ragionevolmente dimenticarvi dell’esistenza dell’ombrello tra metà giugno e fine settembre ma nel resto dei mesi le precipitazioni non sono assolutamente escluse, sebbene inferiori per quantità a molte località italiane. I temporali soprattutto possono essere molto violenti e improvvisi e non è raro che alcuni quartieri di Atene soffrano di allagamenti dovuti all’intensità delle precipitazioni in un lasso di tempo decisamente breve.

Ad Atene non c’è niente da fare (abbiamo sentito davvero questa affermazione): tra musei, cinema, teatri, mostre, eventi non si riesce a stare dietro a tutto. Se oltre a mangiare, a bere, ad andare in qualche club o ai bouzoukia volete sperimentare la vita culturale ateniese sopratutto se non siete qui per turismo ma vi siete trasferiti per un periodo medio-lungo, vedrete che davvero non avrete il problema di come passare il tempo. Ammettiamo che per alcuni tipi di svago la mancata conoscenza della lingua potrebbe essere limitante ma ricordiamo che, ad esempio, i film nei cinema sono sottotitolati in inglese e che nei musei e alle mostre spesso le spiegazioni si trovano altrettanto in inglese. Il programma degli eventi e dei concerti nella capitale greca, comunque fitto durante tutto l’anno, raggiunge il culmine d’estate con le rassegne musicali nei teatri all’aperto e molte altre iniziative sparse per tutta la città. Per stare al passo, affidatevi a qualche sito Internet che propone gli eventi settimanali cittadini e vedrete che ad Atene la vita culturale è sempre in fermento.

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply