image
Cosa vedere, Pireo e dintorni

Pireo e dintorni

PIREO

Se decidete si spingervi fino a quello che una volta era l’antico porto di Atene e che ora è una municipalità indipendente non potete non fare una visita al museo archeologico della città del Pireo. Molto vasto, circa 1.400 metri quadri, il Museo Archeologico del Pireo ospita un’incredibile varierà di oggetti, dalla preistoria ai primi anni del Cristianesimo.

Un tempo porto principale del Mediterraneo, il Pireo è stato per secoli un punto nevralgico di scambi. La ricchezza antica della città emerge dai ritrovamenti, alcuni dei quali di notevole valore. La maggior parte degli oggetti esposti arriva dagli scavi archeologici, ma alcuni reperti sono stati rinvenuti accidentalmente durante i lavori per la costruzione della città moderna.

Biglietti:

Intero 3 €, ridotto 2 €

Orari apertura:

Orario invernale dall’ 1/11 al 31/3   Ogni giorno: 08.00- 15.00

Orario estivo dal 1/4 al 30/10            Ogni giorno: 08.00-15.00

Chiuso il Lunedì

Giornate di apertura con ingresso gratuito:

6 marzo: Giornata “Melina Merkouri”; 18 aprile: Giornata dei Monumenti; 18 maggio: Giornata Mondiale dell’Ambiente; 28 ottobre: Festa Nazionale Greca.

Chiusure:

1 gennaio, 25 marzo, 1 maggio, Domenica di Pasqua (greca), 25 dicembre, 26 dicembre.

Come arrivare:

Odòs Charilaou Trikoupi 31, Pasalimani

Metropolitana linea verde (fermata Pireo), da qui autobus 827, 828, 831

 

MICROLIMANO

Come del resto saprete già, Atene non è bagnata dal mare. Fin dall’antichità (almeno dal V secolo a.C.) il porto di Atene è stato Il Pireo ed è proprio qui che vi proponiamo di seguirci in questo nostro viaggio alla scoperta delle zone imperdibili di Atene (e dintorni). Vogliamo soffermarci sul quartiere in cui è ubicato il primo dei tre antichi porti del Pireo proveniendo da est, quello che al giorno d’oggi viene conosciuto come Mikrolimano (letteralmente piccolo porto). Questa zona è conosciuta per la sua vita notturna, grazie all’enorme quantità di locali di vario tipo: dalle taverne alle caffetterie alle discoteche vere e proprie quasi tutte localizzate sul lungomare. Durante il giorno l’area è molto più tranquilla e ci si può spingere anche fino sullla sovrastante collina chiamata Kastella, da cui si può godere di una vista senza eguali dai monti che circondano Atene fino al Golfo Saronico.

Mangiare e bere:

Qui la fanno da padrone le taverne di pesce che si susseguono senza soluzione di continuità e che si fanno una concorrenza spietata cercando di spingere al loro interno ogni possibile cliente che vi passa davanti. Se il pesce non fa per voi o se volete mangiare in un locale diverso dalla solita taverna di pesce vi consigliamo il Mecca, Akti Koumoundourou 62, che propone piatti sia della tradizione greca sia più a carattere internazionale in un ambiente moderno.

image

Per un cocktail in riva al mare osservando le imbarcazioni che affollano il porticciolo di Mikrolimano, oltre al già citato Mecca che fa anche da bar, potrete dirigervi al Kokoun, Akti Koumoundourou 24, dove troverete un’ampia scelta di bevande alcoliche e non. Se visiterete Mikrolimano durante l’estate vi consigliamo di ordinare un bicchiere di ouzo e di godervelo osservando il panorama che si può vedere dalle ampie vetrate del locale.

Dritta SRDK: Per un’esperienza indimenticabile inerpicatevi sulle stradine che da Mikrolimano conducono alla collina sovrastante, Kastella, e godrete di una vista impagabile. Consigliato per una cena romantica a lume di candela il ristorante Panorama, Irakliou 18-20, che propone specialità di pesce.

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply