IMG-20151207-WA0002-1
Koukaki, Marousi

Calcio, basket, pesce, rakomelo, birra. Atene cosa ti manca?

Weekend intenso quello appena trascorso, grazie alla presenza dei nostri amici Francesco e Mauro giunti appositamente dal Belpaese per un tetraimero, ovvero una quattro giorni di pallacanestro e calcio in quel di Atene e dei suoi paraggi (Pireo tra tutti). Dopo una bougatsa ristoratrice di prima mattina (quindi verso mezzogiorno) non potevamo che proseguire il tour gastronomico di Atene by Sullerivedelkifissos portando i nostri ospiti e la sempre fedele Nevila allo Skoumbri; i più attenti di voi sapranno che si tratta di uno dei primi locali da noi recensiti, in quel di Koukaki; quartiere tra i nostri preferiti di Atene per la sua vita notturna vivace ma al tempo stesso dall’atmosfera rilassata.

Memori della sua qualità e della freschezza del pesce abbiamo avuto pochi dubbi quando ci è stato richiesto un buon ristorante di pesce nel centro di Atene (data la stagione e la mancanza di un automezzo a nostra disposizione abbiamo preferito non spingerci fino al Pireo, anche se in quella zona vi sono forse i migliori ristoranti di pesce della regione ateniese). L’atmosfera è sicuramente diversa da quella estiva e i tavolini all’esterno illuminati da una flebile ma romantica candela sono ormai vuoti (e in quantità notevolmente inferiore all’estate); atmosfera diversa, ma non peggiore, poiché all’interno si è più raccolti e la conversazione viene facilitata dall’assenza del rumore proveniente dall’adiacente via. Dopo una lunga scelta per le pietanze (dovuta al fatto che abbiamo dovuto tradurre quasi tutto il menu) abbiamo ordinato un discreto numero di piatti, la maggior parte dei quali destinata alla condivisione tra i commensali. Da segnalare un ottimo polipo alla griglia e i calamari fritti, senza tralasciare la solita spaghettata ai gamberi che io e Αττική abbiamo riassaporato dopo quasi 6 mesi. Tra piatti di pesce, calici di vino, racconti di vita vissuta abbiamo ben presto fatto venire l’ora di saldare il nostro conto; ricordavamo bene il rapporto qualità-prezzo che è tra i migliori di Atene per questo tipo di ristorante e con circa 18 euro a testa lasciamo il ristorante sazi e soddisfatti.

Non c’è visita a Koukaki che non comprenda però una capatina allo Svoura: ovvero un microscopico bar a pochissima distanza dallo Skoumbri, in direzione viale Syggrou. Non potevamo infatti non fare assaggiare ai nostri due ospiti il rakomelo, che ha avuto un discreto successo soprattutto nei riguardi di Francesco. Locale affollato, tavolini all’esterno inavvicinabili, ma per fortuna un angolino per 5 persone è stato trovato e abbiamo concluso in bellezza un sabato sera rilassato e piacevole tra amici.

L’indomani, volendo prendere i cosiddetti due piccioni con una fava, ci siamo organizzati per compiere visita alla nostra cara amica Nevila in quel di Maroussi. Maroussi è uno dei comuni facenti parte della periferia nord di Atene, a poca distanza da Kifissia e in cui è ubicato il complesso olimpico di Atene, il cosiddetto OAKA. E proprio allo stadio olimpico di Atene si erano diretti nel pomeriggio i nostri Francesco e Mauro, per assistere al big-match (???!) tra AEK Atene e AEL Kalloni Lekanopedio, ovvero la squadra dell’isola di Lesbo. Risultato scontato e grande esperienza di vita vissuta per i due nostri connazionali. Nel frattempo io e Αττική, nel tentativo di raggiungere Maroussi tra un centro di Atene in stato di guerra causa disordini tra anarchici e polizia e un ilektriko gremito all’inverosimile causa chiusura della stazione della metropolitana di Syntagma, veniamo simpaticamente accerchiati sul nostro vagone da dei tifosi gialloneri dell’AEK entusiasti per la vittoria. Presto fattasi ora di scendere e di accomiatarci dai sostenitori kitrinomavroi (gialloneri), troviamo ad accoglierci in quel di Maroussi Nevila e dopo una discreta attesa veniamo raggiunti da Francesco e Mauro.

La destinazione è L’Ambassadeur Bar , un pub dal chiaro stile britannico a poca distanza dalla stazione dell’ilektrikò di Maroussi. Veniamo calorosamente accolti dalla cameriera, anche perché siamo gli unici avventori della serata fino a quel momento. Chiaramente la fa da padrona la birra, ma da buon pub in stile anglosassone non mancano alcuni piatti per placare l’inevitabile stato di ebbrezza che vi coglierà sorseggiando le numerose birre di cui si compone il menu dell’Ambassadeur.

 

Tra birre chiare, scure e una…Fanta (?!) e un succulento piatto di carne destinato alla condivisione tra noi cinque, la conversazione scorre fluente ma essendo domenica sera il weekend giunge al termine e si fa quasi ora di ritornare a casa in vista di un lunedì intenso tra lavoro e altre commissioni. L’Ambassadeur è un pub con un’ottima selezione di birre, quasi del tutto straniere, che non può mancare dal vostro itinerario tra i “sobborghi del nord” di Atene. Ci riserviamo di ritornare quanto prima a Maroussi per scoprire altri locali meritevoli del luogo, ma per il momento ci riteniamo soddisfatti di questa scoperta enogastronomica e non possiamo che ringraziare Nevila per averci condotto in loco.

Skoumbri:

Indirizzo: Drakou 14, Atene

Come raggiungerlo: fermata Syggrou-fix (metropolitana linea rossa), fermata Fix (tram linea 4,5), fermata Gargaretta (filobus 1,5,15)

Svoura:

Indirizzo: Drakou 8, Atene

Come raggiungerlo: vedere Skoumbri

L’Ambassadeur Bar:

Indirizzo: Dimitras 1, Maroussi

Come raggiungerlo: fermata Maroussi (ilektrikò)

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply